LUMIHEAL "LA RIVOLUZIONE DELLA LUCE"

La rivoluzione della luce è targata Klox Technologies, l’azienda italo-canadese rappresentata nel nostro Paese dal dottor Gabriele Nero: top manager milanese, Direttore Commerciale e Amministratore Delegato Klox. Nero ha poco più di quarant’anni e negli ultimi dodici mesi, con la sua ricetta vincente, ha fatto cresce l’azienda (che vanta il più alto numero di quote rosa al suo interno) del 300%. Gabriele Nero è uno stakanovista vero: gira l’Italia e il mondo in lungo e largo con la valigia sempre pronta e smartphone a portata di mano per essere in contatto in tempo reale con il Canada, quartier generale dell’azienda fondata dal dottor Francesco Bellini (ideatore del sistema LumiHeal™ insieme al suo team). 

Per parlarvi di questo dispositivo medico non c’è titolo migliore di quello che abbiamo scelto per la copertina. Il LumiHeal™ è un sistema rivoluzionario: lo dice l’ultimo studio Eureka2, che promuove a pieni voti la lampada e il gel topico utilizzato in molti ospedali italiani per la cura delle piaghe e delle ferite difficili. Il LumiHeal™, innanzitutto, permette la riduzione dei tempi di guarigione e quindi una cospicua riduzione dei costi di ospedalizzazione per le strutture sanitarie (basta pensare che il trattamento e la gestione di lesioni di difficile guarigione insieme alle ferite croniche costituisce il 4%1dei costi totali del Servizio Sanitario Nazionale).

 

Dott. Gabriele Nero, ma cosa è precisamente questo nuovo sistema? 

«Il LumiHael™ è un presidio medico che, grazie alla composizione di un gel topico con cromofori - che hanno la funzione di foto-convertitori nel momento in cui sono esposti ad una lampada multi Led – permette la cura delle ulcere di qualsiasi tipo. In pratica, la combinazione tra la potenza della lucela fluorescenza e l’ossigeno innesca le reazioni biologiche a livello molecolare, che avviano il processo di guarigione delle ferite».

 

Lei ha parlato di luce. E’ questa la vera rivoluzione?

«Le ulcere e lesioni croniche o a livello chirurgico vengono trattate con due metodologie: con medicazioni avanzate ben precise oppure con la pressione negativa topica. Klox ha brevettato produce e commercializza un sistema di rigenerazione dei tessuti tramite biomodulazione: l’energia viene erogata sotto forma di fotoni da una lampada (poi vi parlerò anche delle tre lunghezze d’onda. Il principio di funzionamento, come dicevo, è legato all’emissione della luce che ha una precisa lunghezza d’onda, 470 nanometri nello spettro della luce blu, che va ad illuminare un gel (dotato di un cromoforo, gruppo di atomi capaci di conferire colorazione ad una sostanza sostanza capace di assorbire una lunghezza d’onda e rifletterne altre tre dal momento in cui è illuminato dalla luce». 

 

Qual è la funzione di questo gel che viene applicato sulla ferita?

«Il gel cattura la luce e si attiva, diventa fluorescente e, in pratica, riemette una luce diversa che si divide in tre spettri, andando ad innescare fenomeni biologici: proliferazioni dei fibroblasti dormienti, ad esempio è uno di questi».

 

Come si applica questo gel?

«La facilità d’uso ed i costi sono molto bassi in relazione agli altri attuali trattamenti per la cura delle ulcere di ogni tipo. La tempistica di attivazione di guarigione della luce è molto veloce. In cinque minuti il cromoforo si esaurisce: dal colore arancione vira in rosa pallido, il ciclo di 300 secondi, si ha una “impennata” di tutti i fenomeni appena descritti. Il protocollo d’uso prevede due applicazioni settimanali per le prime quattro settimane ed una sola applicazione per le seguenti 4 settimane, questo perchè la cascata biologica attivata dalla luce ha durata di 36/48 ore».

 

Questo presidio medico rivoluzionerà il modo di curare le ferite?

«Sicuramente perché la nostra tecnologia, fra un paio di anni, potrebbe essere gestita direttamente a casa con un risparmio notevole anche per lo Stato. Tutto perché stiamo parlando di un sistema semplice e alla portata di chiunque: occorre applicare il gel sulla ferita, illuminarla con la nostra lampada per cinque minuti (quei famosi 300 secondi) e ripetere la procedura giorno per giorno».

 

Quando si parla di ferite la mente va anche al problema dei diabetici e delle amputazioni. In quel caso cosa accade?

«Ottimo spunto. Pensate ad un paziente che ha subito l’amputazione di un arto e deve portare la protesi a  vita (che oggi grazie all’attuale tecnologia permette un ottimo risultato). Se poggia su un tessuto cicatriziale dopo diverso tempo potrebbe presentare piaghe con annessi problemi. Se, invece, la pelle è rigenerata grazie al LumiHeal™ (ed al suo ciclo di applicazioni) la protesi avrà una maggior efficacia poiché l’esito cicatriziale risulta essere migliore sia dal punto di vista estetico, sia clinico».

 

Ad un ultimo congresso Klox alcune donne, colpite da tumore al seno e operate di mastoplastica riduttiva, hanno ringraziato l’azienda perché grazie al LumiHeal™ non hanno interrotto il ciclo di radioterapia. Ci può spegare meglio?

«Nel caso di tumore al seno, ad esempio, ci sono anche degli altri risvolti positivi generati dal nostro presidio medico. Dopo mastectomia il protocollo ospedaliero impone la radioterapia, che spesso viene interrotta perché brucia i processi di cicatrizzazione con raggi gamma e perchè si può verificare un sanguinamento. Alcuni nostri pazienti, operati di tumore al seno, hanno utilizzato il nostro prodotto già in sala operatoria iniziando il primo ciclo. Il giorno dopo hanno iniziato la radioterapia senza sanguinamenti e, quindi, senza interruzioni terapeutiche».

 

Dove è possibile trovare questa lampada e gel?

«Siamo presenti in circa duecento strutture ospedaliere pubbliche e private convenzionate con il Sistema Sanitario Nazionale. Chi gestisce le ferite (gli specialisti in pratica) sa bene dove è possibile trovare LumiHeal™. Abbiamo un sito internet molto aggiornato dove troverete tutte le informazioni utili». 

 

Qual è il vostro modello commerciale?

«Klox fornisce in comodato gratuito la lampada, ovviamente con tutta la fase legata alla manutenzione, a carico dell’ospedale c’è il gel che è monouso, inoltre Klox, prevede la presenza di specialisti di prodotto per affiancare i clinici sia all’interno della struttura ospedaliera che sul territorio».


LEGGI ALTRI ARTICOLI SULL'ECCELLENZA SANITARIA QUI.