TERNA:APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2019

 

Ricavi a 1.097,8 milioni di euro (1.062,8 milioni nel 1H18, +3,3%)

EBITDA a 846,2 milioni di euro (814,9 milioni nel 1H18, +3,8%)

Utile netto di Gruppo del periodo a 366,6 milioni di euro (360,2 milioni nel 1H18, +1,8%)

Investimenti a 396,3 milioni di euro (337,9 milioni nel 1H18, +17,3%)

Indebitamento finanziario netto a 8.293,5 milioni di euro (7.899,4 milioni di euro al 31 dicembre 2018)

 

Roma, 30 luglio 2019 – L’Amministratore Delegato e Direttore Generale Luigi Ferraris ha illustrato i risultati del primo semestre 2019, esaminati e approvati dal Consiglio di Amministrazione di Terna S.p.A. (“Terna”), riunitosi oggi sotto la presidenza di Catia Bastioli.

 

“I risultati del primo semestre confermano la solidità delle azioni manageriali intraprese, con redditività e investimenti in significativa accelerazione, a sostegno del processo di decarbonizzazione già avviato dal Paese. L’incremento della redditività, il mantenimento di soddisfacenti livelli di efficienza e i maggiori investimenti ci consentono di guardare con fiducia al perseguimento degli obiettivi indicati nel Piano Strategico che coniugano crescita e generazione di valore per i nostri azionisti” dichiara Luigi Ferraris, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna.

 

I ricavi del primo semestre 2019, pari a 1.097,8 milioni di euro, registrano un aumento di 35 milioni di euro (+3,3%) rispetto al corrispondente periodo del 2018. Tale risultato è dovuto prevalentemente all’incremento dei ricavi del Regolato Italia che riflette l’adeguamento del tasso di remunerazione del capitale investito (WACC) per il periodo 2019-2021 e all’incremento dei ricavi dell’Internazionale principalmente per gli effetti delle iniziative in Brasile, entrate in esercizio.

 

L’EBITDA (Margine Operativo Lordo) del periodo si attesta a 846,2 milioni di euro, in crescita di 31,3 milioni di euro (+3,8%) rispetto ai 814,9 milioni di euro del primo semestre 2018.

 

L’EBIT (Risultato Operativo) del periodo, a valle di ammortamenti e svalutazioni pari a 288,7 milioni di euro, si attesta a 557,5 milioni di euro, rispetto ai 547,5 milioni di euro dei primi sei mesi del 2018 (+1,8%).

 

Gli oneri finanziari netti del periodo, pari a 38,8 milioni di euro, rilevano un decremento di 3,9 milioni di euro rispetto ai 42,7 milioni di euro del primo semestre 2018.

 

Il risultato ante imposte si attesta a 518,7 milioni di euro, in aumento di 13,9 milioni di euro rispetto al primo semestre 2018 (+2,8%).

 

Le imposte del periodo sono pari a 150,3 milioni di euro, in aumento di 7,6 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2018 (+5,3%). Il tax rate si attesta al 29,0%, rispetto al 28,3% del primo semestre 2018, che beneficiava di proventi fiscalmente non rilevanti.

 

L’utile netto di Gruppo del periodo si attesta a 366,6 milioni di euro, in crescita di 6,4 milioni di euro rispetto ai 360,2 milioni del primo semestre del 2018 (+1,8%).

 

La situazione patrimoniale consolidata al 30 giugno 2019 registra un patrimonio netto di Gruppo pari a 3.963,8 milioni di euro, a fronte dei 4.019,2 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

 

L’indebitamento finanziario netto si attesta a 8.293,5 milioni di euro, rispetto ai 7.899,4 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

 

Gli investimenti complessivi effettuati dal Gruppo Terna nei primi sei mesi del 2019 sono pari a 396,3 milioni di euro, in crescita del 17,3% rispetto ai 337,9 milioni di euro nel corrispondente periodo del 2018. Tra i principali progetti del periodo si segnalano gli avanzamenti dei cantieri per le interconnessioni elettriche Italia-Francia e Italia-Montenegro; gli interventi per l’interconnessione elettrica tra Capri e Sorrento e la razionalizzazione della rete elettrica dell’area metropolitana di Roma. Nel corso del primo semestre 2019, inoltre, si è conclusa l’attività di rimozione di 193 km di vecchie linee elettriche aeree e sono stati realizzati 26 km di nuove linee in cavo interrato.

 

I dipendenti del Gruppo, a fine giugno 2019, sono pari a 4.328, in crescita di 76 unità rispetto al 31 dicembre 2018. Tale incremento è riconducibile alla politica di rafforzamento delle competenze già evidenziata nel Piano Strategico 2019-2023.

 

FATTI DI RILIEVO DEL PRIMO SEMESTRE 2019 E SUCCESSIVI

 

Business

In data 3 luglio 2019 è entrato in esercizio il nuovo collegamento in cavo interrato a 150 kV, realizzato da Terna, che collega la stazione elettrica di Piscioli nel comune di Candela (FG), alla stazione elettrica di Valle, nel comune di Ascoli Satriano (FG). La nuova linea, lunga 11 km e costruita in soli 11 mesi, è utile per lo smistamento dell’energia rinnovabile prodotta dagli impianti presenti nell’area.

 

Il 14 giugno 2019 l’Amministratore Delegato di Terna, Luigi Ferraris, e il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, hanno firmato un protocollo d’intesa per la razionalizzazione della rete elettrica del Comune. Il territorio di Matera sarà liberato dalla presenza di 40 tralicci e l’opera di razionalizzazione porterà anche importanti benefici al sistema elettrico locale, rendendolo più sicuro, efficiente e in grado di far fronte alla crescente produzione di energie rinnovabili e all’ampio sviluppo civile e industriale dell’area.

 

In data 11 giugno 2019 è stata completata l’attività di demolizione dell’elettrodotto aereo “Fusina 2–Sacca Fisola” che ha consentito di eliminare definitivamente i sostegni elettrici dalla laguna di Venezia.

 

Nel mese di maggio è stato completato l’assetto provvisorio della stazione di Belcastro con conseguente connessione di produzione da fonti rinnovabili. Sono in corso le attività per la realizzazione della stazione in assetto definitivo.

 

Finanza

In data 18 luglio 2019 Terna ha lanciato con successo un’emissione obbligazionaria a tasso fisso per un totale di 500 milioni di Euro. Il bond ha una durata pari a 6 anni e pagherà una cedola pari a 0,125%, la più bassa per un’obbligazione di una corporate italiana con durata sopra i 5 anni. Il costo effettivo per Terna dell’emissione risulta pari a 0,25%.

 

In data 11 luglio Terna S.p.A. ha rinnovato il proprio programma di emissioni obbligazionarie denominato "Euro Medium Term Note Programme" (EMTN) da 8 miliardi di euro. Deutsche Bank e Citigroup hanno svolto il ruolo di Joint Arrangers del programma, a cui è stato assegnato il rating "BBB+/A-2" da parte di S&P, "(P)Baa2 /(P)P-2" da parte di Moody’s, "BBB+" da parte di Fitch e "A-/S-1" da parte di Scope.

 

In data 17 maggio 2019 l’agenzia di rating Scope Ratings AG (Scope) ha assegnato a Terna – e al debito senior non garantito della società – un rating di lungo termine pari ad “A-”, con Outlook Stabile, e un rating di breve termine pari a “S-1” confermando la solidità della struttura finanziaria e patrimoniale di Terna e riconoscendo il forte impegno del Gruppo nell’integrazione della sostenibilità nella strategia di business come leva strategica per la creazione di valore. Terna è stata la prima non financial corporate ad ottenere un rating pubblico da Scope.

 

Nel corso del primo semestre, nell’ambito del Programma "Euro Medium Term Note Programme" (EMTN) da 8 miliardi di euro, Terna ha lanciato: in data 3 aprile, un’emissione obbligazionaria green destinata a investitori istituzionali, per un totale di 500 milioni di euro, durata 7 anni; in data 10 gennaio, un’emissione obbligazionaria green a tasso fisso, nella forma di private placement, per un totale di 250 milioni di euro, con durata complessiva pari a 5 anni, come da comunicati diffusi al mercato nelle richiamate date.

 

Corporate Governance

 

Nel corso del semestre, come comunicato al mercato il 19 giugno scorso, è stata deliberata la nuova composizione del Comitato Controllo e Rischi, Corporate Governance e Sostenibilità, affidandone la Presidenza a Paola Giannotti e nominando Gabriella Porcelli e Marco Giorgino – eletto in occasione dell’Assemblea dell’8 maggio – quali componenti del Comitato. È stata altresì deliberata la nuova composizione del Comitato Operazioni con Parti Correlate, affidandone la presidenza a Elena Vasco e nominando componenti dello stesso, Marco Giorgino e Paola Giannotti. Resta invariata la composizione del Comitato per le Nomine (con Gabriella Porcelli, in qualità di Presidente, e Yunpeng HE e Fabio Corsico quali componenti) e del Comitato per la Remunerazione (con Fabio Corsico, in qualità di Presidente, e Gabriella Porcelli ed Elena Vasco, in qualità di componenti).

 

Sostenibilità e Innovazione

 

In data 8 luglio 2019 Terna e Digital Magics EnergyTech, programma di incubazione specializzato per le startup digitali del settore dell’energia, hanno scelto “Smart Track” come vincitrice della Call for Innovation D2O - Digital To Operation, lanciata lo scorso maggio, con l’obiettivo di migliorare l’efficacia del lavoro con particolare riferimento alle tematiche della sicurezza delle persone attraverso lo sviluppo di nuove tecnologie, dispositivi, applicazioni e servizi ad alto valore aggiunto in grado di creare “digital transformation”.

 

Il 31 maggio 2019 Terna Energy Solutions e The Mobility House AG hanno sottoscritto un memorandum of understanding per valutare un’eventuale collaborazione o una partnership per opportunità commerciali, nel campo delle soluzioni di ricarica intelligente, stationary storage e microgrid.

 

In data 31 maggio 2019 si è conclusa la terza edizione di Next Energy, il programma promosso da Terna, Fondazione Cariplo e Cariplo Factory per valorizzare giovani neolaureati e sostenere lo sviluppo di progetti innovativi e start-up focalizzate su tematiche attinenti allo sviluppo del sistema energetico. Il progetto che si è aggiudicato questa edizione è stato Windcity.

 

 

Sicurezza

 

In data 17 giugno è stato firmato un accordo di collaborazione tra Terna e Ministero della Difesa per promuovere lo studio e la ricerca nel campo della sicurezza energetica. L’accordo consentirà l’implementazione di progetti pilota finalizzati all’incremento della resilienza energetica nazionale, all’efficientamento energetico di siti militari ed alla riduzione della spesa economica per l’approvvigionamento di energia.

 

 

Internazionale

 

In data 13 maggio 2019 Terna, tramite la sua controllata Santa Lucia Transmissora de Energia, ha concluso i lavori di realizzazione e messo in esercizio la linea elettrica in alta tensione “Jauru-Cuiabá 2” e le due relative stazioni elettriche nello stato del Mato Grosso, nel centro del Brasile. La nuova linea elettrica a 500 kV di tensione, lunga complessivamente 355 km, consente di integrare nella rete di trasmissione nazionale l’energia prodotta dagli impianti da fonte rinnovabile presenti nel centro del Paese.

 

 

 

 

 

PREVEDIBILE EVOLUZIONE DELLA GESTIONE

 

Nel secondo semestre 2019, Terna sarà impegnata nella realizzazione di quanto previsto nel Piano Strategico 2019-2023 approvato dal Consiglio di Amministrazione e presentato alla comunità finanziaria lo scorso 21 marzo 2019.

 

In particolare l’azienda continuerà nel perseguimento dei propri obiettivi strategici imprimendo una forte accelerazione alle attività di investimento con il focus sullo sviluppo della rete di trasmissione nazionale per favorire l’integrazione delle fonti rinnovabili e migliorare la sicurezza del sistema e, al tempo stesso, accelerare il rinnovo degli asset del Gruppo con l’obiettivo di mitigare i rischi di interruzioni di servizio, aumentare la sostenibilità ambientale e supportare la manutenzione mediante il ricorso a tecnologie di digitalizzazione della rete.

 

Terna proseguirà quindi nel rafforzamento degli investimenti in innovazione e soluzioni digitali. Tale percorso di innovazione passerà attraverso l’apertura degli Innovation Hub - piattaforme di sviluppo dell’innovazione - che la Società, dopo l’inaugurazione del primo hub a Torino, prevede di avviare nei prossimi mesi in altre città italiane. Attraverso l’interazione e lo scambio con realtà esterne come Università, centri di ricerca, startup e imprese, l’Innovation Hub diventerà un laboratorio dove creare, sviluppare e testare concretamente nuove idee in campo energetico.

 

Proseguirà, inoltre, l’impegno dell’azienda nel coinvolgimento degli stakeholder territoriali e nel rispetto dei principi di integrità, responsabilità e trasparenza, su cui da sempre si basa la gestione del business dell’azienda, al fine di garantire la minimizzazione dell’impatto ambientale e il rispetto degli ESG. A tal proposito, Terna sarà presente nelle principali piazze italiane all’interno dei Villaggi Coldiretti, la più grande associazione degli agricoltori, per raccontare interventi e progetti e coinvolgere attivamente i cittadini nella “progettazione partecipata”.

 

Con riferimento al Regolato Italia, tra le principali infrastrutture elettriche in corso di realizzazione figurano le interconnessioni con il Montenegro e la Francia, le cui entrate in esercizio sono previste rispettivamente nel 2019 e nel 2020.

 

Per quanto riguarda i principali progetti volti ad accrescere la qualità del servizio, nel corso del secondo semestre si prevede l’entrata in esercizio della connessione sottomarina tra Capri e Sorrento e delle stazioni di Sorrento e del Brennero.

 

Relativamente agli interventi di razionalizzazione delle reti elettriche nelle principali aree metropolitane, che vedranno prevalentemente il rinnovo delle attuali infrastrutture con nuovi collegamenti tecnologicamente più avanzati e in linea con i migliori standard in termini di sostenibilità ambientale, si prevede nella seconda parte dell’anno l’entrata in esercizio di importanti collegamenti nelle città di Firenze, Genova e Milano. Inoltre, il secondo semestre vedrà il Gruppo impegnato nel processo di review delle tariffe e della qualità del servizio di trasmissione elettrica per il semi-periodo NPR2 (2020-2023) attraverso le specifiche consultazioni previste dall’ARERA.

 

Con riferimento al Non Regolato, in continuità con gli anni scorsi, il Gruppo sarà orientato al supporto della transizione energetica grazie allo sviluppo di servizi innovativi. Nello specifico, Terna consoliderà il suo ruolo di Energy Solution Provider, fornendo servizi ad alto valore aggiunto per le imprese e cogliendo le opportunità di mercato. Anche nel settore delle TLC verranno perseguite opportunità in ambito connectivity basate sulla valorizzazione delle proprie infrastrutture in fibra spenta.

 

Per quanto riguarda l’Internazionale, nel secondo semestre, le attività del Gruppo saranno focalizzate sulla gestione e manutenzione delle linee brasiliane entrate in esercizio tra la fine del 2018 e il primo semestre 2019 (Santa Maria Transmissora de Energia e Santa Lucia Transmissora de Energia) e sulla realizzazione dei progetti esistenti in Uruguay e Perù, per i quali si prevede il completamento, rispettivamente, nel 2019 e 2020.

 

Proseguiranno, infine, le attività di scouting per l’individuazione di ulteriori opportunità all’estero, che potranno essere sviluppate anche in partnership, selezionate attraverso processi di valutazione che garantiscano un basso profilo di rischio e un limitato assorbimento di capitale.