IN COPERTINA: SANITA'

Oggi i trattamenti delle patologie vascolari, come ad esempio l’esclusione di un aneurisma aortico o la ricanalizzazione di un vaso, possono essere effettuate anche per via endovascolare e con accesso percutaneo: un’incisione di circa mezzo centimetro è sufficiente a permettere l’ingresso dei dispositivi. Ciò significa che il paziente non ha bisogno della terapia intensiva e della riabilitazione, in seconda giornata è già in piedi e attende alle comuni attività quotidiane.
L’assistenza domiciliare integrata permette al sistema sanitario nazionale di assicurare continuità assistenziale a malati cronici, anziani fragili e disabili, decongestionando gli ospedali. L’esperienza della cooperativa Auxilium, tra i principali operatori del settore in Italia

L’aritmia è un disturbo del ritmo cardiaco o della frequenza cardiaca (cioè del numero di battiti al minuto); il cuore può cioè battere troppo velocemente (tachicardia) o troppo lentamente (bradicardia) o con un ritmo completamente irregolare (ad es. fibrillazione atriale).
Il professor Massetti spiega questo modello innovativo di medicina personalizzata che pone il paziente al centro dell’attività sanitaria ri-umanizzando i luoghi di cura

CARDIVASCULAR LASER SOCIETY Un dialogo tra cardiologi clinici, cardiologi interventisti, radiologi interventisti, elettrofisiologi, chirurghi endovascolari, cardiochirurghi mini-invasivi, neurochirurghi vascolari sulle tecnologie laser.
Signor ministro, prima di tutto, buona fortuna! Credo ne abbia bisogno. Per reggere con mano ferma il timone di un dicastero dal così rilevante impatto sociale ed economico le capacità da sole – temo – non bastano. E, quindi, un pizzico di fortuna non guasta.

Il primo Centro italiano di trapianto dell’utero ha sede a Catania. Protagoniste di questo risultato sono state la U.O.C. di Chirurgia Vascolare e il Centro Trapianti d’Organo del Policlinico, diretto dal professore Pierfrancesco Veroux e la U.O.C. di Ginecologia e Ostetrica dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro, diretta dal professore Paolo Scollo. Li abbiamo intervistati entrambi, per spiegare l’importanza di quest’iniziativa.
Il patrimonio di NGC Medical è costituito da eccellenze tecnico-professionali, che lavorano all’interno delle specifiche divisioni, grazie alle quali siamo in grado di offrire servizi all’avanguardia, personalizzati, sicuri e di qualità. NGC Medical è una realtà dinamica orientata al cambiamento e all’innovazione, caratterizzata da solidità e concretezza che derivano da comprovata professionalità.

I risultati nel settore del Life Science si misurano sempre più sulla capacità di tradurre velocemente i risultati della ricerca scientifica in applicazioni cliniche. Diventa quindi fondamentale l’integrazione complementare di risorse e competenze di diverse matrici: la ricerca di base, la drug discovery e lo sviluppo preclinico di nuove terapie, ma anche i medical device, i biomarcatori e la sperimentazione clinica.
L’Italia non è un Paese innovativo. Ce lo sentiamo dire tante volte che quasi ci crediamo. Ma, per fortuna, non è così. Certamente l’Italia investe nella ricerca & sviluppo meno dei concorrenti europei e internazionali di pari taglia economica. Si tratta, però, di un dato complessivo. E che da solo non spiega tutto.

Mostra altro