12OMNIBUS UMAMI - I GUSTI NASCOSTI DELLA VITA

IL rapporto tra VISTA, cibo e gli altri SENSI, fa i conti con il cervello

Kikunae Ikeda, un professore di chimica presso l'Università Imperiale di Tokyo, con il lavoro suo e di un tecnico di supporto, nel 1900 allargò gli orizzonti del gusto. Con la pubblicazione della sua ricerca, nel 1909, aggiunse ai gusti amaro, dolce e acido, l’umami. Che possiamo tradurre come ‘sapido’, ‘saporito’. Umami deriva dall’aggettivo giapponese umai, (delizioso).