TOSCANO, UN BUSINESS CHE NON VA IN FUMO

STEFANO MARIOTTI, AMMINISTRATORE DELEGATO DI MST
STEFANO MARIOTTI, AMMINISTRATORE DELEGATO DI MST

 

DI Andrea Giacobino

 

Poche foglie di tabacco, qualche nuvola di fumo, tanta eccellenza del “made in Italy”. E’ la ricetta che spiega lo straordinario successo di immagine e di mercato del sigaro “Toscano” che proprio lo scorso anno ha festeggiato i due secoli dalla nascita. Oggi il più noto sigaro tricolore è prodotto da Manifatture Sigaro Toscano SpA (MST), l’azienda nata nel 2006, quando una cordata di imprenditori guidati dal gruppo industriale Maccaferri acquisì dalla British American Tobacco Italia il ramo d’azienda che produce e commercializza i sigari a marchio TOSCANO®, riportando in mani italiane un marchio nazionale storico. Il vertice aziendale è composto da Luca di Montezemolo (presidente), dai due vicepresidenti Gaetano Maccaferri e Aurelio Regina e dall’amministratore delegato Stefano Mariotti.

 

Due secoli di storia

Si dice che un giorno del 1815, nella Manifattura tabacchi di Firenze, una partita di tabacco - lasciata a essiccare al sole estivo - venne bagnata da un violento acquazzone. Con tutto quel tabacco si decise di produrre dei sigari economici da vendere al popolo di Firenze. Fu subito un grande successo. L’acqua, infatti, fece fermentare il tabacco dandogli un gusto del tutto “nuovo”. Nasce così la leggenda del sigaro TOSCANO®, che dal 1818 entrò regolarmente in produzione.

Nato agli inizi dell’800, con i suoi 200 anni di storia, il sigaro TOSCANO® si lega indissolubilmente al percorso e all’evoluzione della storia italiana. Un elemento della cultura, dello stile e della creatività della grande industria manifatturiera tricolore, un simbolo dello stile di vita italiano. Oggi MST è una realtà custode di tradizioni antiche e di un marchio storico come il sigaro TOSCANO®, profondamente radicata nella storia e nel territorio italiano. Con la forza di una tradizione lunga 200 anni e diuna qualità senza compromessi MST offre ai consumatori di tutto il mondo un prodotto di eccellenza, un prodotto unico, protagonista della storia e del costume italiano: il sigaro TOSCANO®. 

La crescita del fatturato di Manifatture Sigaro Toscano è stata costante in questi anni, grazie ad una accorta politica commerciale e alla costante diversificazione dell’offerta, sempre nel rispetto della qualità. E ciò spiega perché nel 2018 sia stata sondata la strada della quotazione dell’azienda in Borsa, poi interrotta per le tensioni sui mercati finanziari. “La quotazione – spiega l’amministratore delegato Mariotti - era e rimane sicuramente una delle possibili opportunità di crescita futura di Manifatture Sigaro Toscano. L’anno scorso abbiamo a lungo valutato tale opportunità, ma le condizioni economiche e lo stato dei mercati azionari non avrebbero consentito un pieno apprezzamento del valore di Manifatture Sigaro Toscano e quindi abbiamo deciso che non era il momento per intraprendere questa strada che comunque, se in futuro le condizioni lo dovessero permettere, siamo pronti a rivalutare. È stata comunque un’esperienza interessante sia da un punto di vista personale che professionale, aver preparato l’azienda ad un possibile ingresso sui mercati azionari ci ha reso ancor più convinti del nostro potenziale e della bontà del lavoro fatto finora dal management e dalla proprietà”.

Artigianalità da manuale

Il sigaro TOSCANO® è un esempio di artigianalità italiana, un sigaro unico perché: usa solo tabacco Kentucky; ha un gusto pieno grazie alla particolare tecnica di fermentazione; ha lunghi periodi di stagionatura e si presenta con  una forma irregolare tronco-conica. Da 200 anni stesso tabacco, stessa ricetta, stessa lavorazione da parte delle sigaraie, che è possibile vedere in azione dal vivo nella Manifattura di Lucca. A settembre 2015, MST è entrata sul mercato Usa acquisendo Avanti Cigar & Co, fondata ai primi9 del Novecento da una famiglia di emigranti italiani che, arrivati negli USA riprodussero un sigaro simile per forma e per gusto al loro amato  TOSCANO®. Con questa acquisizione, MST si avvicina già dal 2015 ai 200 milioni di sigari venduti e ai 100 milioni di fatturato. 

“Guardando al futuro di Manifatture Sigaro Toscano - prosegue Mariotti - sicuramente l’Italia continuerà ad essere la nostra area di forza, ma la crescita sarà trascinata dai mercati export, in particolar modo dall’Est Europa, dalla Germania, dalla Turchia, dal Duty Free Internazionale e dagli Stati Uniti. Posso anticipare che l’export nel 2018 è cresciuto del 30% e se oggi vediamo questi risultati lo dobbiamo agli investimenti fatti nel passato, sforzi guidati dalla consapevolezza che internazionalizzazione ed export sono due parole chiave per la nostra impresa”.

 

 

TRA TOSCANA E CAMPANIA

 

Per quasi 130 anni, a partire dal 1818, la fabbricazione del sigaro si è svolta principalmente a Firenze. Ma negli anni successivi al periodo post-bellico i sigari Toscano hanno lasciato definitivamente il capoluogo regionale, per continuare la produzione nelle Manifatture di Lucca e Cava dei Tirreni.

Lucca La manifattura principale lucchese ha avuto sede, sino al giugno 2004, in un ex convento di suore domenicane. Da allora la produzione è stata trasferita in una struttura più funzionale e moderna, situata nella periferia di Lucca, precisamente a Mugnano. In questa manifattura è presente il reparto delle sigaraie, realtà unica in Europa.

Cava dè Tirreni La tradizione vuole che le prime coltivazioni di tabacco, in Campania, furono volute da Gioacchino Murat ai tempi del Regno di Napoli in epoca napoleonica. Fin dall'antichità, però, la pianta era considerata molto pregiata. Le disgrazie del Regno di Napoli non bloccarono mai la produzione di tabacco, che da allora è elemento importante dell’economia cavese. Dal 1912, Cava dè Tirreni è una delle sedi principali della produzione del famoso sigaro italiano.

Foiano della Chiana I coltivatori diretti del tabacco Kentucky della Valdichiana, Valtiberina, Lazio, Campania e Veneto vendono annualmente il loro raccolto al Centro di Raccolta di Foiano della Chiana (AR). Qui avvengono molte importanti attività quali: la perizia del tabacco, il supporto agronomico e la selezione del tabacco destinato alla fascia e al ripieno. Nell’ottobre del 2003 il Centro di ricevimento, perizia e sviluppo agricolo di Foiano ha festeggiato i 100 anni di vita e rimane oggi uno degli snodi principali nella realizzazione del sigaro italiano.

 

 

QUALITA’ & CONTROLLI

 

La supervisione della filiera produttiva è al primo posto negli impegni di MST: una scelta a difesa del proprio prodotto, del rispetto del territorio, della qualità del lavoro e della tutela di tutte le persone che partecipano al processo di produzione. Quella del sigaro TOSCANO® è l’unica filiera tabacchicola interamente italiana, con circa 220 tabacchicoltori concentrati in Valdichiana, Valtiberina, Lazio, Campania e Veneto, 1.800 addetti, un centro di ricevimento, perizia e sviluppo tabacco (Foiano della Chiana) e 2 manifatture (Lucca e Cava dei Tirreni).

Dalla semina alla raccolta, dalle fasi di lavorazione al prodotto finito, Manifatture Sigaro Toscano si fa garante di standard professionali e qualitativi in linea con le più moderne aziende del settore. I coltivatori di Kentucky rappresentano un anello strategico della catena produttiva del sigaro TOSCANO®, MST è il loro principale interlocutore e assorbe il 90% a valore dell’intera produzione nazionale, percentuale che arriva al 100% nel caso della foglia da fascia, la parte qualitativamente più pregiata della coltivazione. MST si è impegnata compensando il taglio delle sovvenzioni accoppiate all’agricoltura, e garantisce ai coltivatori produttività e stabilità di reddito. Un forte legame con i tabacchicoltori, con investimenti anche sul fronte dell’assistenza tecnico-agronomica, per il miglioramento quali-quantitativo delle produzioni agricole e per l’adozione di buone pratiche di coltivazione nel rispetto dell’ambiente, ecosostenibili. Un insieme di sforzi per mantenere in Italia una materia prima di alta qualità, garantire prospettive e continuità della filiera italiana.

 

 


MOLTI ALTRI ARTICOLI, NEWS E REPORTAGE LI TROVI CLICCANDO QUI